Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2011

Boffe al pascolo - le nebbie di novembre

Qualche scatto dei giorni scorsi, con le Boffe al pascolo nel frutteto nelle prime nebbie di novembre. Alla prossima!





Boffa - nuove foto dal passato recente della razza.

Nei giorni scorsi ho ricevuto da Marco Bindocci, l'amico che mi ha aiutato in questi anni a identificare il ceppo principale della Boffa, alcune foto risalenti agli anni '90 e ai primi anni del 2000 riguardanti la nostra razza.
le prime immagini ci mostrano due animali, un gallo e una gallina, entrambi dotati in qualche misura del famoso gene di diluizione. Il dorso del gallo si presenta quasi candido, e contrasta col rosso della mantellina e col nero della coda. i suoi orecchioni sono bianchi marezzati di rosso. La cresta somiglia per foggia a quella del gallo che io stesso ora possiedo. La femminuccia invece mostra una piccola cresta, che non si capisce bene se sia  semplice o a rosa (ma la presenza di dentelli farebbe propendere per la prima ipotesi), barba e favoriti folti e una colorazione quasi del tutto bianca con sprazzi scuri su barba e mantellina.
Ma la foto più importante è forse la terza, che ci mostra il gallo con cui nei primi anni del 2000 venne tagliato il ceppo …

Il nostro pollaio - Autunno 2011

Ecco in un breve video quella che è la situazione del pollaio in questo autunno così altalenante. Si possono osservare vedere bene le Boffe nel loro nuovo ricovero, le Polverara, le anatre mute di Barberia e i tacchini. E' un piccolo viaggio virtuale nel mio allevamento, spero vi possa interessare. A presto!


. SUGGERIMENTI PER LETTURE "DA POLLAIO":
 .

Il nuovo pollaio è pronto!

Dopo mesi di lavoro e preparativi, il nuovo pollaio è quasi terminato e già ha iniziato ad accogliere i suoi primi ospiti! 

Per la sua realizzazione ho deciso di utilizzare una casetta da giardino, che con qualche modifica si è prestata benissimo allo scopo. Il fondo è coperto da una lettiera di segatura e truciolo depolverato, e i posatoi sono stati mantenuti al momento bassi perché le boffe non sono - diciamocelo - particolarmente propense al volo e ad appollaiarsi troppo in alto. Il ricovero notturno ha base quadrata ed i suoi lati misurano 2,44 m, per un totale di  poco meno di 6 metri quadri di base, che possono accogliere in teoria circa 20-24 esemplari. 

Al momento però sta servendo come sito di convalescenza per un paio di esemplari che erano stati messi a mal partito dai propri compagni, oltre che ospitare alcuni giovani di Boffa e Polverara in crescita. Presto arriveranno gli altri adulti e i giovani di quest'anno a popolarlo. 

Già, ma qual'è la situazione? I riprodutto…

...Torniamo a fare il punto della situazione?

Dopo mesi di silenzio, eccomi tornare a fare il punto della situazione sul progetto Boffa. Diciamolo subito: è stato un inizio d'anno molto difficile, in quanto segnato per me da problemi familiari, lavorativi e di salute che mi hanno impedito di seguire i miei animali come avrei voluto. Comunque sia, ecco come stanno andando le cose ora. Nella prima parte dell'anno ci sono state diverse covate andate a male; alla fine sono riuscito a salvare 9 pulcinotti, ora di età compresa tra i 2 ed i 3 mesi, 3 maschi e 6 femmine. Stanno crescendo abbastanza bene, alcuni sono decisamente robusti e promettono di arrivare ad una gran bella taglia. Un paio di esemplari mostrano una barba assai scarsa; vedremo se si tratta di un difetto reale o se è dovuto ad un impennamento tardivo. In ogni caso, entro breve inizierò a cedere qualche esemplare prelevato proprio da questo gruppo.
Tre galline stanno attualmente ancora covando. Purtroppo, le chiocce di Boffa hanno rivelato un difetto piuttosto imba…

Nuovo video: sono nati i primi pulcini dell'anno!

Ieri, con mia grande gioia, sono nati i primi due pulcini dell'anno! Temevo il peggio, perché durante gli ultimi giorni di incubazione un guasto aveva privato l'incubatrice della corrente elettrica per oltre mezza giornata... Ma per fortuna almeno due uova su 4 fertili sono riuscite a schiudersi! I piccoli sono belli, e mostrano nel piumino della testa una caratteristica particolare: possiedono cioè una maculatura che ci aiuta a ricondurre la colorazione degli adulti alla livrea "lionata" così come l'aveva definita negli anni '30 del secolo scorso il Taibell. Si tratta di un ulteriore tassello che ci aiuta a capire il patrimonio genetico di questi animali. Intanto, ecco a voi i primi nati dell'anno!

Nuovo video: la speratura delle uova.

Oggi volevo rispondere ad una domanda che molti che iniziano l'avventura dell'avicoltura mi hanno posto, ovverosia: è possibile  capire se un uovo sia stato fecondato o meno? Ecco un breve video che affronta questo argomento, entrando più nel dettaglio di una particolare tecnica detta speratura; le galline che si possono vedere all'inizio e alla fine del filmato sono proprio le nostre Boffe!

Ovviamente, non è possibile dal solo esame esterno di un uovo capire se sia stato fecondato o meno. Possiamo ragionevolmente prevedere che sia stato fecondato se la gallina che l'ha deposto era in un periodo fertile e nel contempo era presente un gallo nel pollaio, anch'esso in pieno periodo riproduttivo (quindi al di fuori dal periodo della muta). L'unico modo che abbiamo per averne la certezza è però quello di incubarlo e di procedere poi con un'operazione che si chiama speratura.
La speratura consiste  nel far passare un fascio di luce dal polo ottuso di un uovo, per i…