Passa ai contenuti principali

CARATTERISTICHE


A cosa deve il proprio nome questa simpatica razza di polli? Essenzialmente alle sue caratteristiche fisiche ed alla sua provenienza geografica. Già, perché la parola "boffa" è un termine poco noto del dialetto padovano, che indica una barba folta e abbondante. In effetti, questi polli sfoggiano con orgoglio quelli che in avicoltura vengono definiti barba e favoriti. In pratica si tratta di ciuffi di penne, che crescono abbondanti ai lati del becco e sotto di esso. Gli occhi dolci e tranquilli di questi polli sono arancioni; gli orecchioni bianchi, piccoli, sono seminascosti dai favoriti, così come i bargigli, piuttosto piccoli e rosso vivo. La cresta, semplice, si presenta ben sviluppata; a volte nelle galline in deposizione tende a ripiegarsi di lato. 

La colorazione ricorda in parte quella della New Hampshire; gli animali sono in genere fulvo-marroni, con le penne della coda ed alcune remiganti e copritrici delle ali di colore nero con riflessi verdi. Tale colorazione era certamente nota, sotto il nome di lionata, nel ceppo di proprietà del Pollaio Provinciale di Forlì. Nel ceppo originario sono presenti anche esemplari bianchi (colorazione dovuta ad un genere recessivo) e a colorazione sparviero. La pelle è gialla, così come i tarsi, nudi. Le falciformi del gallo sono abbastanza brevi. La coda è portata ben rilevata, spesso con un angolo di 90° rispetto al dorso. 

Il peso degli animali varia tra i 2,5-3 Kg nelle galline ai 3-3,5 Kg nei galli. Le galline depongono fino a 150 - 180 uova l'anno, del peso di circa 60 gr e dal colorito originariamente bianco; purtroppo i capi esistenti attualmente depongono uova dal guscio spesso roseo. Le femmine presentano un buon istinto alla cova, e sono ottime chiocce. Il carattere generale di questi avicoli è piuttosto calmo e tranquillo, e si adattano senza problemi anche a spazi abbastanza piccoli. Questo non deve però spingere ad allevarli in condizioni di sovraffollamento; come si dirà nella parte relativa all'allevamento, le metodologie migliori di quest'ultimo sono, per la Boffa, l'allevamento all'aperto e quello di tipo biologico. 

Questi animali si presentano quindi come dei magnifici polli a duplice - se non triplice - attitudine: accoppiano infatti buone produzioni in carne ed una fetazione più che discreta ad una tendenza alla cova che le rende perfette balie per razze prive di questa caratteristica, così come ne fa anche un perfetto complemento per fattorie didattiche o agriturismi che vogliano mostrare dal vivo come un tempo nascevano i polli nelle aie dei nostri nonni. 

Gli sforzi della selezione che sto attuando mirano ad eliminare alcuni difetti introdotti da un gallo ibrido con cui venne tagliato il ceppo alcuni anni fa: ritorno alla cresta semplice (molti capi hanno cresta a rosa), eliminazione delle tracce di rosso dagli orecchioni, ritorno ad uova a guscio bianco o crema chiaro. Si tratta di un lavoro paziente e lungo, che mi vedrà impegnato allo scopo di far tornare alle sue caratteristiche originali questa bellissima razza.

Post popolari in questo blog

Nuovo video: la speratura delle uova.

Oggi volevo rispondere ad una domanda che molti che iniziano l'avventura dell'avicoltura mi hanno posto, ovverosia: è possibile  capire se un uovo sia stato fecondato o meno? Ecco un breve video che affronta questo argomento, entrando più nel dettaglio di una particolare tecnica detta speratura; le galline che si possono vedere all'inizio e alla fine del filmato sono proprio le nostre Boffe!

Ovviamente, non è possibile dal solo esame esterno di un uovo capire se sia stato fecondato o meno. Possiamo ragionevolmente prevedere che sia stato fecondato se la gallina che l'ha deposto era in un periodo fertile e nel contempo era presente un gallo nel pollaio, anch'esso in pieno periodo riproduttivo (quindi al di fuori dal periodo della muta). L'unico modo che abbiamo per averne la certezza è però quello di incubarlo e di procedere poi con un'operazione che si chiama speratura.
La speratura consiste  nel far passare un fascio di luce dal polo ottuso di un uovo, per i…

Aggiornamento sito - La "Millefiori di Lonigo" o Millefiori Veneta.

Nuovo aggiornamento del nostro sito. Nella pagina dei Downloads potete infatti scaricare un articolo sulla razza Millefiori di Lonigo o Millefiori Veneta.Nel 1934, la Cattedra Ambulante di Agricoltura di Lonigo portò alla Fiera di Padova alcuni polli, appartenenti alla razza Italiana autoctona, tra cui un gruppo a colorazione millefiori. Quasi 70 anni dopo, Luca Rizzini, avicoltore appassionato, recuperando dei polli autoctoni a colorazione millefiori proprio nelle stesse zone iniziò la selezione di quella che ora è qualcosa di completamente diverso, una vera razza, la "Millefiori di Lonigo" o più correttamente Millefiori Veneta.L'articolo traccia tanto la storia moderna della razza quanto rintraccia le primissime fonti storiche sulla presenza di polli a colorazione millefiori in quel territorio.VAI ALLA PAGINA DEI DOWNLOADSSCARICA DIRETTAMENTE L'ARTICOLO

Selezione - creste e orecchioni - e cessioni.

Nella strada che porterà alla selezione e al recupero totale della Boffa con tutte le sue caratteristiche originali, occorre considerare una serie di caratteristiche fisiche che purtroppo il tempo e l'incrocio avvenuto negli anni '90 con il gallo ibrido hanno modificato. Tra queste, la mia attenzione in questi primi anni va di certo al colore degli orecchioni e alla cresta che, nelle galline, dovrebbe ripiegarsi di lato al momento della deposizione.
Entrambi questi caratteri sono effettivamente scadenti negli animali visti fin'ora: creste dritte e orecchioni fortemente venati di rosso. Però...


Però quest'anno i primi risultati si sono fatti vedere. Tre galline hanno finalmente mostrato la tanto agognata cresta che si ripiega a deposizione. Una di queste, che avevo ceduto lo scorso anno a Bruno Rossetto, mostra nel contempo anche splendidi orecchioni bianchi e piccoli seminascosti dai favoriti. Infine un esemplare che credevo essere un galletto si sta invece rivelando un…